Un anno di attività dell’ufficio Pari opportunità, Tutela delle differenze, Contrasto alla violenza di genere

24 Luglio 2019

Promozione delle pari opportunità, tutela delle differenze, contrasto alla violenza di genere, sono le tre macro aree di attività dell’ufficio comunale che attraverso le proprie azioni di promozione, sensibilizzazione, sostegno e collaborazione con le associazioni, ha dato e da attuazione alle linee di mandato. Attraverso laboratori didattici, il potenziamento delle reti con l'associazionismo, lo scambio di pratiche con altri enti, l'ufficio rende concrete queste linee, come si può valutare anche dal report annuale che viene presentato per valutare l'impatto delle politiche realizzate.

Nel corso dell’anno 2018 sono stati realizzati i laboratori didattici “Donne e uomini in pubblicità: modelli o stereotipi?”, giunti al quinto anno scolastico di proposta, rivolti alle scuole secondarie di primo grado e alle ultime classi della scuola primaria. Intervento svolto direttamente dalle operatrici dell’ufficio Pari opportunità nelle classi che aderiscono alla proposta di far conoscere alle studentesse ed agli studenti coinvolti i vari linguaggi della comunicazione pubblicitaria per far sviluppare il loro senso critico con particolare attenzione alla rappresentazione del genere ed agli stereotipi che portano al radicamento di pregiudizi. Inoltre l’ufficio ha co-progettato, a partire da idee progettuali di associazioni, 4 progetti rivolti alle scuole di ogni ordine e grado: “IN-Genere”; “Dalla Parte delle bambine”; “Un amore di sport. Percorsi di Sitting Volley e “Una bella differenza”. Tutte le proposte sono state presentate all’Open day “Cosa abbiamo in comune” ed accolte da 20 istituti scolastici, 47 classi per complessivi 1112 fra studenti e studentesse.

Il 2018 ha visto ulteriormente potenziata la rete per la promozione dei diritti delle persone LGBTQI. L’ufficio ha organizzato l’ospitalità in città dell’incontro annuale della Rete RE.A.DY., la Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discrimanzioni per orientamento sessuale e identità di genere, un’occasione di incontro delle pubbliche amministrazioni per lo scambio di buone prassi e per conoscere l'attività della Rete e di incontro con le associazioni aderenti al Patto di collaborazione per la promozione dei diritti delle persone e della comunità LGBTQI sottoscritto a Bologna nel 2017.

Il fronte del contrasto alla violenza di genere ha visto nel 2018, oltre al consolidamento della rete cittadina che coinvolge istituzioni e associazioni nel Protocollo di Intesa per il miglioramento della protezione delle donne che hanno subito violenza nell’ambito di relazioni di intimità, il potenziamento dell’accoglienza in case rifugio grazie al finanziamento della Regione Emilia Romagna che ha permesso di aumentare il numero di posti letto in pronta accoglienza sul nostro territorio con il progetto di apertura di una nuova casa rifugio. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con l’associazione Casa delle Donne per non subire violenza.

Il report di attività per il 2018 è stato presentato nella commissione comunale “Parità e pari opportunità” e l'assessora Susanna Zaccaria ha sottolineato: “Tengo molto a dar conto dei numerosi progetti che stiamo portando avanti nel contrasto alla violenza di genere, nella tutela dei diritti della comunità LGBTQI e nel contrasto agli stereotipi. Lavoriamo costantemente in rete con tutti i soggetti interessati del nostro territorio con l’obiettivo di creare un ambiente inclusivo e non violento in cui tutti e tutte possano esprimere la loro personalità, senza prevaricazioni e discriminazioni. Il report ripercorre tutte le azioni del 2018, alcune delle quali sono ormai strutturali, come i tavoli e le reti, ed altre che invece lo scorso anno ci hanno consentito di mettere meglio in luce i nostri obiettivi e di potenziare i progetti sul territorio. Non ci dobbiamo mai dimenticare che le azioni a tutela dei diritti cambiano concretamente la vita delle persone ed è con questa consapevolezza che porto avanti politiche per le pari opportunità che abbiano ripercussioni positive per le cittadine e i cittadini.”

Documenti scaricabili: