Nella Giornata mondiale dell'alimentazione le iniziative di CEFA e Bologna città del cibo

16 Ottobre 2014

La Giornata mondiale dell’alimentazione 2014 ha un sapore del tutto particolare per Bologna, la Città del Cibo che ha scelto come testimone il bolognese Giovanni Bersani, fondatore di CEFA il seme della solidarietà onlus.

"Sviluppo locale e qualità dell'alimentazione - sottolinea l'assessore all'Economia Matteo Lepore - sono una priorità su scala globale che coinvolge Bologna Città del Cibo negli obiettivi del Millennio e nel percorso verso Expò 2015 proprio sul tema Nutrire il pianeta".

La Giornata mondiale, celebrata in oltre 150 paesi dal 1981, vuole sensibilizzare sul problema della fame e della malnutrizione. Sul nostro pianeta 1 individuo su 8 soffre la mancanza di cibo. Sono ancora 865 milioni le persone che vivono con meno di 2 dollari al giorno, la maggior parte nei paesi in via di sviluppo. Il tema scelto per il 2014 è Agricoltura famigliare: Nutrire il mondo, preservare il pianeta e punta l’attenzione sul ruolo dei piccoli agricoltori nel debellare fame e povertà.

Per incoraggiare la generosità di Bologna sul tema della fame e delle nuove povertà, CEFA onlus, insieme a MCL e Fondazione Giovanni Bersani, hanno organizzato quattro eventi venerdì 17 e sabato 18 ottobre, occasioni di incontro, relazione, cooperazione, ascolto e condivisione.

Si comincia venerdì 17 ottobre, alle 15.30 a palazzo Re Enzo, con il convegno Per un Nuovo Umanesimo, la testimonianza di G. Bersani, nel quale si parlerà delle nuove sfide del lavoro. Alle 20 si svolgerà la Cena di Solidarietà per festeggiare il senatore Bersani, senza dimenticare chi è più indietro e ha bisogno di essere sostenuto.

Sabato 18 ottobre, dalle 9 in piazza Maggiore, sarà la volta di Tu dove sei?, performance di Pixel Art in 3D per sensibilizzare la Città del Cibo, affinché prenda in carico la sofferenza di altre popolazioni meno fortunate. In contemporanea, alle 12, in Palazzo Re Enzo, si svolgerà il Pranzo di Condivisione con persone in difficoltà, in collaborazione con Caritas e Antoniano.

È già aperta, fino al 19 ottobre nel cortile d'Onore di Palazzo d'Accursio, la mostra fotografica all'interno della struttura del Seme della solidarietà.

Tutte le iniziative contribuiranno a sostenere le comunità più povere del Sud Sudan, garantendo loro sementi, attrezzi e formazione agricola per procurarsi cibo in autonomia, in modo dignitoso e sostenibile nel tempo.