Gli oggetti smarriti nel mese di settembre sono 565, quelli restituiti 160. Tra questi, una fede matrimoniale d'oro non reclamata dal proprietario

9 Ottobre 2018

Sono 565 gli oggetti che nel mese di settembre sono stati smarriti in città e consegnati all’Ufficio oggetti rinvenuti del Comune di Bologna. Tra questi, come sempre, tanti portafogli, indumenti, borse, bracciali e occhiali. 
Tra i 160 oggetti restituiti ci sono ben 106 portafogli, 5 carte d'identità e un passaporto, 4 libretti di circolazione, 26 tra borse e zaini e trolley, 2 cartelline scolastiche, 4 chiavi e la planimetria per una nuova costruzione in Ghana. Non è stata reclamata da nessuno, invece, una fede matrimoniale d'oro, che è stata quindi riconsegnata a chi l'aveva ritrovata oltre un anno fa. 

Di tutti gli oggetti smarriti viene pubblicato mensilmente un elenco a cura dell'Ufficio oggetti rinvenuti del Comune di Bologna che si occupa di tenerli in custodia per 12 mesi.
L'Ufficio si trova in piazza Liber Paradisus 10 - Torre B - piano zero, ed è aperto il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 12.30; il martedì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30 e il giovedì con orario continuato dalle 8.30 alle 16.30.
Il proprietario, per rientrare in possesso del proprio oggetto o documento, deve presentarsi personalmente all'Ufficio con un documento d'identità valido, fornendo una descrizione dettagliata del bene e portando con sé la denuncia, nel caso l’abbia fatta. 
Nel caso il proprietario non si presenti per il ritiro entro 12 mesi, l'oggetto viene restituito alla persona che l'ha trovato e consegnato. Il ritrovatore ha due mesi di tempo per ritirare l’oggetto. Tutti i beni non ritirati rimangono a disposizione del Comune e potranno essere messi in vendita all'asta.

Foto con licenza Creative commons Flickr