Disabilità. A Bologna due giorni per abbattere barriere e pregiudizi con il torneo di basket integrato in piedi e seduto "Gallo da Tre" e la manifestazione "La Skarrozzata"

20 Giugno 2018

Giocare a basket su una carrozzina, dipingere con la bocca, cucinare ad occhi chiusi, andare a zonzo per la città seduti su una sedia a rotelle. Cambiare prospettiva spesso serve per abbattere barriere e pregiudizi. Appuntamento unico, quest'anno, con le due manifestazioni che invitano cittadine e cittadini bolognesi a guardare al mondo della disabilità in modo diverso, a mettersi in gioco, anche attraverso lo sport e l’arte.

"Siamo molto contenti - afferma il presidente del quartiere Porto-Saragozza Lorenzo Cipriani - di promuovere questo evento, in cui due associazioni hanno deciso di mettere insieme le forze per lavorare insieme e creare qualcosa di grande, e sono sopratutto orgoglioso dei tanti giovani che animano queste due associazioni, che si impegnano e si occupano del bene comune, in un momento in cui spesso i giovani sono associati ad una generazione disimpegnata".

L'associazione La Ricotta, che da alcuni anni riqualifica campi da basket e organizza un torneo dove giocatori normo e disabili si sfidano insieme, e gli organizzatori dell'evento La Skarrozzata, giunto alla sua nona edizione, hanno infatti deciso di unire le forze e dare a tutti appuntamento ai Giardini Fava per il prossimo 23 e 24 giugno. Sarà infatti sul playground del parco di via Milazzo, riqualificato lo scorso anno dall'associazione "La Ricotta" grazie ad un patto di collaborazione con il Quartiere Porto-Saragozza, che sabato 23 giugno si aprirà il torneo di basket "Gallo da Tre".

La prima giornata si sfideranno le squadre che si sono iscritte al torneo "in piedi", mentre nella giornata di domenica prenderà il via anche il torneo "seduto". Sono oltre 150 i partecipanti alla competizione e alcuni di loro provengono anche da altre città come Rimini, Padova e Milano. Il torneo "in piedi" è composto da 20 squadre, mentre 8 si sono registrate per il torneo "seduto". Le iscrizioni si sono chiuse con una settimana di anticipo perché è stato raggiunto il limite massimo dei partecipanti al torneo.

Le squadre del torneo "seduto" saranno composte, ciascuna, da sei giocatori: quattro normo che siederanno in carrozzina e due giocatori disabili, tra cui alcuni dei componenti della Polisportiva bolognese "I Bradipi", premiata quest'anno, per la terza volta, come campione d'Italia del basket in carrozzina. "I Bradipi", co-organizzatori dell'evento insieme agli artisti di Lab155 e all'Associazione "La Ricotta", forniranno anche le carrozzine per i giocatori.

Il "Gallo da Tre" non è solo sport, come si è già visto nell'edizione molto partecipata dello scorso anno, ma un evento che coinvolge tutta la cittadinanza, una festa che consente di scoprire e riscoprire anche dei luoghi lasciati ai margini della frequentazione. Sabato e domenica, infatti, i Giardini Fava ospiteranno anche laboratori artistici, attività per bambini, esibizioni di live painting, spettacoli di giocoleria comica, cibo e musica. "Il nostro obiettivo - spiega Mattia Santori de La Ricotta - è quello di invitare le persone a vivere questa esperienza come un percorso di conoscenza. Giocare insieme abbatte ogni pregiudizio sulla disabilità, dimostra come questa non sia affatto una condizione di inferiorità ed infatti sul campo i giocatori in carrozzina sono molto più forti degli altri. Certo è che le difficoltà esistono, sono tante, anche nella nostra città, e condizionano pesantemente i percorsi di vita di chi è costretto a muoversi su una carrozzina. Per questo serve un intervento strutturale e sociale. La nostra Associazione è stata la proponente del progetto di creazione di un parco giochi inclusivo per tutti i bambini, anche per chi ha una disabilità, ai Giardini Lorusso. Il progetto, il più votato di tutta Bologna nel percorso del Bilancio Partecipativo 2017, sarà realizzato a breve. Tutti i ricavati della due giorni ai Giardini Fava, poi, saranno destinati alla riqualificazione di un nuovo campo da basket di Bologna il prossimo anno. Visti gli obiettivi comuni siamo felici di aver collaborato con gli organizzatori de La Skarrozzata". 

La manifestazione che, da nove anni, invita le persone a sperimentare cosa significhi muoversi in carrozzina per le strade della città di Bologna partirà infatti, domenica 24 giugno, alle ore 17.30 proprio dai Giardini Fava. Saranno messe a disposizione dei partecipanti tante carrozzine con le quali prendere parte ad una passeggiata di circa 40 minuti attraverso le vie del centro storico per poi rientrare ai giardini di via Milazzo. Si potrà partecipare anche a bordo di skateboard, rollerblade, monocicli e passeggini. Tutti mezzi non a motore. "Skarrozzare - spiega Enrico Ercolani presidente dell'associazione La Skarrozzata - è un modo simpatico ed originale per sensibilizzare le persone, avvicinandole al mondo della disabilità. Vogliamo mostrare ai cittadini, ma anche agli addetti ai lavori e alla politica, gli ostacoli concreti che le persone incontrano ogni giorno per le strade: un marciapiede sconnesso, un gradino, una pendenza eccessiva sembrano piccole cose ma sono barriere architettoniche che impediscono una piena partecipazione alla vita sociale".