Diritti LGBT, solidarietà del Comune ai gay ceceni

13 Aprile 2017

Questa sera dalle 20 alle 22 il Palazzo del Podestà si illuminerà con i colori arcobaleno. È il sostegno del Comune di Bologna alla condanna internazionale e alla richiesta di chiarimenti dopo l'inchiesta del giornale indipendente Novaya Gazeta che ha diffuso immagini e testimonianze su torture verso persone gay arrestate arbitrariamente e detenute in “campi di concentramento” in Cecenia, repubblica appartenente alla Federazione Russa.

“Queste notizie sono gravissime e ci riportano a fatti storici che mai vorremmo rivivere – spiega l'assessore alle Pari Opportunità e ai diritti LGBT Susanna Zaccaria - dobbiamo far sentire la nostra voce e attuare una mobilitazione a partire anche dalla nostra città, simbolo di libertà, tolleranza e rispetto dei diritti.”

“Il tema della difesa dei diritti ci coinvolge in prima persona e per questo oggi ho deciso di esporre i colori arcobaleno della bandiera della pace alla finestra del mio ufficio in Comune - dichiara la presidente della Commissione pari opportunità Roberta Li Calzi - le istituzioni hanno il dovere di non lasciare solo nessun essere umano.”