Bologna città delle bambine e dei bambini

11 Novembre 2019
mani che disegnano per avanzo di bilancio ies 2018

Per il trentennale della Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, che ricorre il 20 novembre, la rete che si riconosce nel progetto "Bologna Città delle Bambine e dei Bambini", coordinato dal Comune di Bologna, offrirà a bambini, ragazzi, famiglie e a tutta la cittadinanza un programma ricco di opportunità, che affronteranno la riflessione sui diritti fondamentali sanciti dalla Convenzione declinando il tema della sostenibilità nelle sue dimensioni più importanti: ambientale, sociale e culturale.

In particolare mercoledì 20 novembre, giornata ricca di appuntamenti in occasione della Giornata mondiale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e del 30° compleanno della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza (1989-2019). Tappa di rilievo nel calendario dei tanti eventi in programma la seduta solenne del Consiglio comunale, alle ore 14 a Palazzo d'Accursio. Dopo l'apertura del vicepresidente del Consiglio comunale Marco piazza son intervenute la Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Emilia-Romagna Clede Maria Garavini e Nicoletta Grassi, Presidente Unicef Emilia-Romagna. Alla Vicesindaco Marilena Pillati è stato affidato l'intervento di chiusura.

Alle 17 in auditorium Biagi di Bilioteca Salaborsa inaugura la mostra Children, che rimarrà aperta fino al 6 gennaio. Il gioco, il divertimento, lo studio, la salute, ma anche i diritti negati, lo sfruttamento, la guerra. In occasione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, Legacoop Bologna e Legacoopsociali promuovono una mostra fotografica che presenta una selezione degli scatti di Steve McCurry, Elliott Erwitt e Dario Mitideri: tre autori profondamente diversi dal punto di vista espressivo, ma accomunati dalla volontà di testimoniare in prima persona la partecipazione emotiva alle vicende dei bambini che hanno incontrato negli angoli più remoti del mondo, laddove anche i diritti fondamentali – alla dignità, alla pace, all’uguaglianza, alla libertà – vengono calpestati nel silenzio e nell’oblio. 
Sempre alle 17 nella Sala Risorgimento del Museo Civico Archeologico, l'appunamento di approfondimento In dialogo e alla scoperta dle mondo. Stefano Laffi incontra genitori, docenti ed educatori per una riflessione sul delicato tema dell'adolescenzale con l'intento di accompagnare gli adulti alla ricerca di una chiave per la relazione genitori-figli. Iniziativa dell’Area Educazione, Istruzione e Nuove Generazioni del Comune di Bologna, con il sostegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

Giovedì 21 novembre, presso il Cinema Lumière, La fame di Pierluigino: filastrocche, rime, racconti, voce narrante per il diritto al libero pensiero. Roberto Piumini incontra le classi della scuola primaria. Iniziativa di Giannino Stoppani Cooperativa Sociale in collaborazione con Comune di Bologna - Area Educazione, Istruzione e Nuove Generazioni - UI Sistema formativo integrato Infanzia e Adolescenza e Fondazione Cineteca di Bologna.

Sabato 23 novembre sempre al Teatro Testoni Ragazzi ricordiamo il seminario 50 anni di storia e di pari opportunità per bambini e famiglie, dedicato alla celebrazione dei 50 anni dei nidi d’infanzia e 30 dei centri per bambini e famiglie a Bologna, a cura dell'Istituzione Educazione e Scuola del Comune di Bologna.

Sabato 16 e domenica 17 novembre, così come sabato 23 novembre, in occasione degli appuntamenti al Teatro Testoni Ragazzi, negli spazi del teatro sarà allestita la mostra fotografica itinerante 50 anni di nido e 30 dei centri per bambini e famiglie a Bologna, che racconta la storia dei servizi educativi 0-3 di Bologna insieme a quella di una città che ha sempre guardato all’infanzia con attenzione e capacità di cura. Testi e immagini ripropongono alcuni dei molti passaggi che hanno portato l’Amministrazione a costruire una fitta rete di opportunità di crescita rivolte ai bambini piccoli, alle famiglie e all’intera comunità. A cura di Istituzione Educazione e Scuola del Comune di Bologna.

Dal 16 al 24 novembre, più di 100 le attività educative e culturali, tutte gratuite, che animano la città: visite e letture animate, incontri con autori e illustratori, laboratori creativi, giochi, proiezioni, mostre e occasioni di riflessione. Tante occasioni dedicate al tema della qualità della vita, della tutela degli ambienti, alla capacità attraverso le più diverse forme artistiche ed espressive di dare opportunità di partecipazione e protagonismo, stimolando bambini e ragazzi a porsi domande per migliorare la sostenibilità della nostra città.

Sabato 16 novembre al Teatro Testoni Ragazzi lo “storico” appuntamento del convegno dedicato all’educazione all’aperto si propone quest'anno di dare voce e visibilità alla documentazione di percorsi, progetti ed esperienze di didattica in natura. La settima edizione di "Outdoor education - L’educazione si-cura all’aperto" sarà, infatti, l'occasione per premiare le migliori documentazioni sull'Outdoor Education, nelle sue molteplici declinazioni, pervenute in base al concorso nazionale organizzato e promosso dal Comune di Bologna, in collaborazione con l'Università di Bologna (Dipartimenti di Scienze dell'Educazione e Scienze per la Qualità della Vita), la Fondazione Villa Ghigi e la rivista “Infanzia”.
I materiali prodotti dai servizi educativi per l’infanzia 0-6 e dalle scuole del territorio nazionale e selezionati nell’ambito del primo Concorso Nazionale per le migliori documentazioni educative sull’educazione all’aperto, saranno oggetto della mostra “outDoc, documentare l’outdoor education”, realizzata in collaborazione con l'Istituzione Biblioteche - Biblioteca Salaborsa, con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna e della Regione Emilia-Romagna. La mostra, allestita nella piazza coperta di Salaborsa, rimarrà aperta fino al 22 novembre. La mostra si articola nelle tre sezioni previste dal bando di concorso (Documentare attraverso la fotografia; Documentare attraverso la scrittura; Documentare attraverso il video) e sarà l’occasione per conoscere, far conoscere e promuovere la produzione di documentazioni educative di qualità.

 

 

МУЖЧИНЫ